Fermati a Madrid

(J.M. Cano - Testo italiano di M.Luberti)

 

figlio della luna

 

Con il mio naso tra i tuoi occhi

io tra un sospiro e un altro avrò

il mio morale nei ginocchi

ma respirerò

 

Con quest'orecchio che ho baciato

vorrei spiegarglielo a Van Gogh

quanto ha sbagliato e che peccato

lui che lo tagliò

 

E se le tenerezze

sono sciocchezze che un uomo non fa

continua a parlarti in diminutivo

quest'uomo che non va

 

Io senza te mi sento nudo

comunque resto qui in città

e girerò senza il vestito

mentre pioverà

 

lo chiedevo le foto

poi le incollavo sull'album che ho

sono ad un bivio, butto l'archivio

promettimi però

 

che quando avrò questi occhi rossi

e se il tuo naso soffierai

noi rifaremo i nostri passi

per trovarci qui

fermati a Madrid.

 

Duración: 2:17

Arrangiamenti di: José María Cano con la collaborazione di Manel Satiesteban.

 

 

GrupoMecano.com