Figlio della luna

(J.M. Cano - Testo italiano di M.Luberti)

 

figlio della luna

 

Per chi non fraintenda

narra la leggenda

di quella gitana

che pregò la luna

bianca ed alta nel ciel

mentre sorrideva

lei la supplicava

«fa che torni da me»

 

«tu riavrai quell'uomo

pelle scura

con il suo perdono

donna impura

però in cambio voglio

che il tuo primo figlio

venga a stare con me»

chi suo figlio immola

per non stare sola

non è degna di un re

 

Luna adesso sei madre

ma chi fece di te

una donna non c'è

dimmi luna d'argento

come lo cullerai

se le braccia non hai

figlio della luna

 

Nacque a primavera

un bambino

da quel padre scuro

come il fumo

con la pelle chiara

gli occhi di laguna

come un figlio di luna

«questo è un tradimento

lui non è mio figlio

ed io no, non lo voglio»

 

Luna adesso sei madre

ma chi fece di te

una donna non c'è

dimmi luna d'argento

come lo cullerai

se le braccia non hai

figlio della luna

 

II gitano folle

di dolore

colto proprio al centro

dell'onore

l'afferrò gridando

la baciò piangendo

poi la lama affondò

corse sopra al monte

col bambino in braccio

e lì lo abbandonò

 

Luna adesso sei madre

ma chi fece di te

una donna non c'è

dimmi luna d'argento

come lo cullerai

se le braccia non hai

figlio della luna

 

Se la luna piena

poi diviene

è perché il bambino

dorme bene

ma se sta piangendo

lei se lo trastulla

cala e poi si fa culla

ma se sta piangendo

lei se lo trastulla

cala e poi si fa culla.

 

Duración: 4:18

Arrangiamenti di: José María Cano con la collaborazzione di Manel Santiesteban.

 

 

GrupoMecano.com